esplora

Paesi | Americhe | America meridionale | Paraguay

Ambienti naturali e questione ambientale

Paraguay in lingua guaranì significa "acqua che va verso l'acqua" ed è proprio l’acqua a rappresentare la vera essenza di questo stato ricco di ben 3.000km di rete fluviale navigabile, principale arteria di comunicazione e di commercio

Il Paraguay ha un territorio ampiamente diversificato ed è diviso dal Rio (fiume) Paraguay in due zone geologiche e naturalistiche distinte. La zona nord-occidentale è occupata dal Chaco, una piana pedemontana alluvionale che occupa circa il 60% dell'intero territorio paraguayano, la cui altitudine media è ovunque inferiore ai 200 m. e la zona sud-orientale attraversata da una serie di allineamenti montuosi che solo in qualche punto superano i 500 m

Chaco, piana alluvionale

Terra e acqua 

Lo scrittore paraguaiano Augusto Roa Bastos ha definito il suo paese "un'isola circondata dalla terra": una superficie compresa tra il 30 e il 40% del Paraguay e costituita principalmente da acqua

In tutto il paese si trovano numerosi parchi naturali e riserve protette. Guarda alcune immagini

 

Il Parco Nazionale "Defensores del Chaco"è il più consciuto del paese e si trova nella zona occidentale; il parco è ricco di flora e di fauna e misura 780 mila ettari; la zona orientale, invece, vanta la vicinanza con il Parco Nazionale dell'Iguazù (Argentina) inserito dall’ UNESCO nella lista del Patrimonio Universale dell’Umanità dal 1984 (il parco è situato al confine tra gli stati di Argentina e Brasile).

 

Il Parco Nazionale Cerro Corà è in gran parte ricoperto di foresta tropicale secca e savana annidata tra scoscese colline e custodisce sia parte del ricco ecosistema paraguaiano, sia vestigia storiche e culturali importanti per la storia del paese

Ipoà 

E' un lago che si trova in una regione chiamata Esteras del Ypoá, che, durante la stagione della pioggia, vede l'acqua del lago invadere il proprio terreno per trasformarla in una vasta zona di lagune; è il lago più pulito del Paraguay

 

Uno dei problemi ambientali più importanti che il Paraguay si trova ad affrontare è quello della deforestazione; è però il primo stato al mondo ad avere avuto successo nella lotta contro la deforestazione. Il WWF ha assegnato al Paraguay il premio Leaders for a Living Planet per essere stao un "esempio ed una fonte di ispirazione per tutti i paesi che lottano contro la deforestazione nel mondo"

 

Diga di Yacyretá

La diga di Yacyretà (progetto del 1973 realizzato nel 1994), al confine tra Argentina e Paraguay, ha causato l’inondazione di oltre 100.000 ettari di terreno e lo sfollamento di numerose comunità, tra cui gli indigeni Mbya Guaranì, che hanno organizzano l’opposizione al progetto con l’appoggio delle organizzazioni ambientaliste e di difesa dei diritti umani. E' la più grande diga del continente americano

Flora, fauna e attività umane

Il Paraguay possiede un vastissimo patrimonio animale e vegetale grazie, soprattutto, alla diversità di ambienti che lo caratterizzano: la foresta Amazzonica, il deserto, la regione del Chaco, tanto da essere conosciuto come "il giardino del mondo". In particolare, la regione del Chaco è un paradiso, ricco di una flora e una fauna altamente diversificate.

Flora tipica della regione del Chaco

Palme, caucciù e mogano caratterizzano l'area amazzonica, mentre i cactus sono caratteristici del Chaco

 

La pianta emblema del Paraguay è il Lapacho, conosciuto anche come Tabebuia Impetiginosa

 

Formichiere gigante

Tra la fauna tipica del paese si possono ammirare i pappagalli giganti oltre a numerosi uccelli tropicali, molte razze di serpenti (tra cui boa e anaconda), alligatori, felini come giaguari e puma e i formichieri giganti. Per tutelare questo importante patrimonio il governo paraguayano ha istituito numerosi parchi nazionali.

La Ceiba Speciosa, conosciuta come Palo Borracho

Gigli e orchidee puntellano il Paese, crescendo tra alberi vari tra i quali il "palo borracho"

Tra gli animali più caratteristici di questo paese ricordiamo l’armadillo, il formichiere e il capibara, il più grosso roditore esistente al mondo.

Territori urbani

 

Problemi urbani... 

Il Paraguay è tra i paesi più violenti dell'America latina.La criminalità nelle aree urbane e l'insicurezza pubblica che essa genera continuano ad essere seri problemi che il Paraguay si trova ad affrontare

Asuncion, la capitale

Asuncion, il cui nome completo è Nuestra Señora Santa María de la Asunción, chiamata anche Distrito Capital e familiarmente La Asunción, è la capitale del Paraguay. Centro industriale e culturale del Paese, è la sede del governo paraguaiano e il principale porto del Paraguay, con fabbriche di scarpe, tessili e di tabacco. Più che una metropoli, Asunción può essere considerata un grosso paese, una "capitale di provincia"

 

Ciudad del Este

Ciudad del Este è la seconda città del Paraguay, caotica e totalmente dedicata al commercio. Si trova nella zona delle "tre frontiere" (Brasile, Argentina, Paraguay), in prossimità delle cascate di Iguazù. L'area, conosciuta come luogo di contrabbando (paradiso delle auto rubate, delle merci griffate o taroccate, delle armi e della droga, del rilavaggio di denaro sporco e di tutte le possibili varianti della criminalità piccola e grande), sembra anche essere covo del terrorismo. A destra, immagine del Ponte dell'Amicizia che collega il Paraguay con il Brasile, porto franco e quindi luogo di scambi, più o meno legali

 

Encarnation

Encarnación è la terza dal punto di vista economico. E' conosciuta come la città del carnevale, chiamato Carnaval Encarnaceno: ospita la manifestazione più importante del Paese

 

Tobatì si trova a 70 km dalla capitale; è una cittadina che giace protetta da fiumciattoli e da formazioni rocciose molto particolari. E' anche chiamata "la città delle 300 fabbriche di ceramica", nelle quali viene lavorata la ceramica per i diversi e numerosi prodotti artigianali locali, e vengono realizzati altri prodotti quali mattoni e tegole

 

Areguà è una cittadina a 28 km dalla capitale conosciuta per la produzione di fragole

 

Itaguà è la sede principale della lavorazione del ñanduti, un pizzo tipico del Paraguay considerato come uno dei prodotti più caratteristici dell'artigianato. La parola ñanduti significa "tela di ragno"

Territori rurali

Piantagione di mais OGM

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Negli ultimi anni, il Paraguay è diventato il terzo esportatore e il quarto produttore mondiale di soia. La storia della soia in Paraguay inizia negli anni ’70, quando alcuni agricoltori del sud del Brasile spostano le proprie coltivazioni di soia tradizionale nel vicino paese sudamericano. A partire dal 1999-2000, si diffonde rapidamente anche la coltivazione di soia transgenica

 

Spesso i piccoli coltivatori di zucchero devono sotostare ai sistemi di sfruttamento dei latifondisti e dei grandi produttori. Manduvirà è una cooperativa di coltivatori di zucchero biologico, nata nel 1975, che concoraggio ha spezzato tale sistema ; insieme ad altre due cooperative, situate nella zona di Arroyos y Esteros (non lontana dalla capitale), Manduvirà produce zucchero certificato da FLO (federazione di 24 organizzazioni, con sede in Germania, che lavora per la certificazione del commercio equo e solidale)

La raccolta della canna da zucchero

 

Nella regione del Chaco, gli immigrati mennoniti (da Canada, Russia e Germania) hanno creato aziende agricole produttive, caseifici, allevamenti ed attrazioni turistiche

 

La regione dei Chaco è spesso colpita da siccità

Attività rurali mennonite

 

 

Popoli

La maggioranza della popolazione paraguayana è rappresentata da meticci, ma sopravvivono ancora, pur nelle enormi difficoltà, numerose comunità indigene che cercano di mantenere viva la propria cultura e la propria lingua (in francese)

 

Ayoreo

Tra le comunità indigene più conosciute c’è il popolo Ayoreo, che vive nel Chaco e lotta per la riconquista delle terre ancestrali acquistate da speculatori e allevatori ed attualmente oggetto di una massiccia deforestazione.

 

  • Nell'immagine a destra, un gruppo di Ayoreo-Totobiegosode osserva una casa abbandonata da membri del loro gruppo situata sulla strada di passaggio di un bulldozer utilizzato per l’abbattimento della foresta

 

I Guaraní sono un popolo di lingua tupí che vive principalmente nel Brasile meridionale, in Paraguay, nella zona del Río de la Plata in Argentina, in Uruguay e nelle zone sud-orientali della Bolivia

 

Contadini mennoniti

Nella regione del Chaco vi sono diverse colonie mennonite, tra cui la più antica e tradizionalista è quella di Loma Plata. I Mennoniti sono fedeli anabattisti che, dopo i fatti sanguinosi avvenuti nella città di Münster del 1535, furono costretti a emigrare lontano dalla Germania. Gli immigrati mennoniti (da Canada, Russia e Germania) hanno creato aziende agricole produttive, caseifici, allevamenti ed attrazioni turistiche nella regione del Chaco

 

Minacciato dalle opere di disboscamento degli allevatori, il popolo Enxet è costretto a vivere in minuscole porzioni di territorio

Diritti e cittadinanza

Taglio della soia

Recentemente, una Commissione speciale ha indagato sulle violazioni dei Diritti Umani in Paraguay durante la dittatura. Ancora oggi, però, i Diritti Umani continuano ad essere violati, in modo particolare quelli dei Popoli indigeni, come dichiara il Rapporto curato da Amnesty International, che mette in luce, tra le altre violazioni, l’uso della tortura, una pratica ancora molto diffusa nel paese.

 

I contadini (campesinos) che lavorano nelle piantagioni di soia subiscono particolari violazioni dei diritti umani. Un caso sospetto di intossicazione si è verificato a metà novembre 2009 presso le comunità di Ava-Guarani di Santo Tomas Ytakyry, popolazioni in lotta contro un'impresa agroindustriale che punta alle loro terre per coltivarvi soia transgenica (leggi la storia del conflitto ambientale legato alle piantagioni di soia in Paraguay)

 

I diritti dei popoli indigeni del Paraguay, come di molti altri Paesi dell'America Meridionale, subiscono continue minacce affinche abbandonino le loro terre:

  1. tra le comunità indigene più conosciute c’è il popolo Ayoreo, che vive nel Chaco e lotta per la riconquista delle terre ancestrali acquistate da speculatori e allevatori ed attualmente oggetto di una massiccia deforestazione.
  2. minacciato dalle opere di disboscamento degli allevatori, il popolo Enxet è costretto a vivere in minuscole porzioni di territorio

 

 

Realtà economica e politica

Le istituzioni politiche sono state a lungo dominate dalle forze armate; dal 1954 al 1989, in particolare, il potere era concentrato nelle mani del dittatore Alfredo Stroessner. Con le elezioni del 1989 il paese sembra essersi avviato verso un regime più democratico. In base alla costituzione del1967, emendata nel 1992, il presidente eletto a suffragio universale è anche capo del governo, composto da membri da lui nominati.

 

Tra il 1865 e il 1860, il Paraguay visse uno dei capitoli più tragici della sua storia durante la cosiddetta Guerra della Triplice Alleanza che vide contrapposti Argentina, Brasile e Uruguay alleati contro il Paraguay. Quello che si consumò fu un vero e proprio genocidio a danno della popolazione paraguaiana (in spagnolo)

Risorse energetiche in America Latina 

Guarda le carte relative alle risorse naturali in America Latina: l' oro nero, l' oro verde e l'oro blu

L’economia del Paraguay si basa prevalentemente sull’agricoltura e l’allevamento di bestiame

Indigeni e soia 

I popoli indigeni del Paraguay sono fortemente minacciati dalle coltivazioni di soia. I loro diritti fondamentali non sono rispettati, la loro salute è a rischio, la loro stessa sopravvivenza è in pericolo: un conflitto ambientale e sociale si sta consumando nel Paese

Negli ultimi anni, il Paraguay è diventato il terzo esportatore e il quarto produttore mondiale di soia. La storia della soia in Paraguay inizia negli anni ’70, quando alcuni agricoltori del sud del Brasile spostano le proprie coltivazioni di soia tradizionale nel vicino paese sudamericano. A partire dal 1999-2000, si diffonde rapidamente anche la coltivazione di soia transgenica

 

Piantagione di soia

L’espansione della soia avviene a danno delle colture di cotone, che costituiscono l’attività primaria dei piccoli e medi coltivatori. L'ingresso delle multinazionali ha causato notevoli problemi ai contadini che si sono visti sottrarre le terre che appartenevano loro di diritto. Inoltre, l'utilizzo di diserbanti e agenti tossici, oltre a rovinare i terreni (impoverendone di molto la fertilità), è causa di malattie nella popolazione che ne viene a contatto

 

L'attuale modello produttivo del Paraguay è caratterizzato da due poli opposti. Un polo si basa sulla grande produzione per esportazione, principalmente soia e carne bovina e, a seguire, fagioli, yerba mate e sesamo. Il mercato della produzione o vendita di questi prodotti viene controllato dalle grandi multinazionali e dai poteri economici e politici locali. L'altro polo è costituito dalla piccola produzione, destinata all'auto-sussistenza, o a soddisfare fabbisogni alimentari interni al Paese. Questa produzione è caratterizzata principalmente da ortaggi, frutta, fagioli, manioca, canna da zucchero e piante medicinali e aromatiche

Monete e banconote

Monete e banconote del Paraguay.

Cibo, alimentazione e ricette

Nonostante l'arte culinaria latinoamericana sia ricca e variegata, due sono gli ingredienti base della cucina paraguaiana : la cassava, un tubero di grosse dimensioni (conosciuto anche come manioca) e il grano, cui si aggiungono i fagioli e gli arachidi.

 

Per quanto riguarda la carne, fanno da padrone pollo e manzo.

Mbeyú

Tra i altri piatti più tipici vi sono il mbeyú, una specie di omelet con amido di cassava, mescolato a formaggio e puchero, uno stufato radizionale di origine spagnola, l'arróz quesú, un tipico risotto paraguayano condito con il formaggio, e la bife koyguà, fetta di manzo con cipolle e uova fritte.

 

Altri piatti caratteristici sono: la crema de puerros, il pollo con pimientos verdes, la cazuela de surubì e la tarta de espuma de naranjas.

 

Chipa

Il cibo considerato simbolo nazionale è sicuramente la chipa, che si può preparare in forme diverse e si può comprare ovunque, anche per strada.

 

Arte tradizionale e moderna

Resti architettonici delle missioni gesuitiche paraguaiane

Per quanto riguarda l'arte preispanica, non vi sono testimonianza di particolare spessore. E' con l'arrivo dei Gesuiti in America Latina che si affermò l'architettura gesuita, della quale numerose sono le rovine visibili come le ex Missioni Gesuitiche della Santissima Trinità di Paranà e del Gesù di Tavarangue, risalenti ai secoli XVII e XVIII, dal 1993, patrimonio mondiale dell'umanità UNESCO

 

Yo el supremo, 1974, narra le vicende del dittatore Jose Gaspar Rodriguez Francia

Lo stesso vale per la letteratura, pertanto non è possibile parlare di letteratura precedente alla conquista spagnola. Tra le voci più alte della letteratura paraguaiana troviamo Josefina Pla, la più nota delle pioniere della narrativa femminile paraguaiana.

Tra i più importanti scrittori paraguaiani, Augusto Roa Bastos è di certo il più noto, vincitore del prestigioso Premio Cervantes nel 1989

 

 

 

Esempio di Encaje Ju

I centrini, le tovaglie, la biancheria per la casa o l'abbigliamento femminile in pizzo (encaje Ju, che in lingua Guaranì significa tessuto, e ñandutí) sono i manufatti artigianali i più noti del Paraguay, ma sono tradizionali anche i Ao-Po'i, in tela di cotone molto fine, bianco o colorato, ricamato con motivi geometrici che riproducono i fiori locali.

Musiche e danze

Strumenti musicali Ispano-americani 

Scopri gli strumenti musicali, aerofoni, idiofoni, membranofoni e cordofoni tipici del mondo ispano-americano

La musica in Paraguay lega la tradizione europea a quella nativa, sia per quanto riguarda le melodie che le danze; i canti, invece, hanno perlopiù testo in lingua Guaranì

 

I generi musicali più comuni hanno derivazione europea: walzer, galopa e polka paraguayana

L'arpa diatonica è lo strumento nazionale del Paraguay

 

Gli strumenti principali sono la chitarra e l'arpa e le canzoni in genere sono lente e malinconiche.

 

I balli, come la polka e la danza della bottiglia (eseguita con un vaso in equilibrio sulla testa), sono invece molto vivaci

Danza de la botella (bottiglia)

 

 

 

Tra i musicisti che hanno segnato la storia della musica di questo paese ci sono: Augustin Barrios Mangoré, compositore e maestro storico della chitarra, José Asunción Flores, creatore della guarania, il tipico genere musicale paraguayo, Nicolás Caballero e il gruppo Gruppo Generación.

Giochi e attività ludiche

Tra i giochi tradizionali del Paraguay troviamo la carrera de pinguinos, un gioco buffo e divertente.

I Giochi panamericani sono, dopo quelli olimpici, la maggiore manifestazione sportiva multi-disciplinare in termini di nazioni partecipanti: organizzati ogni quattro anni, nell'anno precedente quello delle Olimpiadi, vedono in competizione atleti dei paesi del continente americano. Fra gli sport rappresentati ve ne sono alcuni tipicamente latino-americani, come ad esempio la palla basca

Feste e riti religiosi

Le feste religiose seguono il calendario cattolico, ma numerose sono anche le feste di carattere laico che celebrano l’identità nazionale tra le quali:

 

Il Tapè Avirù è un antico cammino religioso preispanico usato dai Guaranì, il gruppo indigeno più importante del Paraguay. Si tratta di un cammino mistico che gli antichi Guaranì percorrevano alla ricerca del Yvy Marae´y o Tierra sin Mal, una sorta di paradiso terrestre, una terra cioé dove non esisteva il male

http://www.bibmondo.it/att/luna/doc/s4-it.html

Il carnevale di Encarnación, chiamato Carnaval Encarnaceno, è la manifestazione più importante del Paese

Scuola ed educazione

La legge nazionale relativa al sistema scolastico paraguayano (1994) prevede la cosiddetta educazione iniziale, non obbligatoria, suddivisa in tre tappe:

  1. jardín maternal (0-3 anni di età), equivalente al nido in italia;
  2. jardín de infantes (3-4- anni di età);
  3. prescolare (5 anni di età).

 

All'educazione iniziale segue quella basica, obbligatoria e gratuita, della durata di 9 anni; essa comprende bambini e bambine a partire dai 6 anni di età e prevede tre cicli di tre anni ciascuno (il sistema unifica i due cicli di educazione primaria della durata di sei anni, e il ciclo di educazione media, della durata di 3 anni previsti dalla precedente legislazione).

Il secondo ciclo d'insegnamento secondario (il primo ciclo è compreso nel'educazione basica), prevede una durata di tre anni e tre orientamenti di studio: umanistico-scientifico, commerciale e tecnico-industriale.

I livelli scolastici successivi prevedono la formazione docente della durata di 4 anni, che si realizza in appositi istituti, e l'Università

Fiabe e racconti

Il pulcino di fuoco: fiaba sulla diversità, le paure e i pregiudizi cheessa può suscitare, scritta dal celebre scrittore Augusto Roa Bastos. La storia del pulcino di fuoco che incendia tutto quello che tocca (a cominciare dal suo stesso pollaio…) è semplice e tratteggia bene alcuni tratti tipici che contraddistinguono chi, alle prese con la diversità, non sa far altro che fuggire demonizzandola, attribuendole tutti i mali del mondo, oppure cerca di mercificarla, facendone un fenomeno da baraccone

 

Storia del popolo Guaranì a cura di Alicia Baladan

 

La fiaba dell'Airampo. L'airampo è una pianta andina diventata il simbolo dei popoli indigeni e delle lotte per il riconoscimento dei loro diritti

 

Il pipistrello vanitoso è una fiaba appartenente al folklore ispano americano, ovvero derivante dalla vasta letteratura indigena di Indios, Maya, Aztechi e Inca (guarda l'animazione)

Testimonianze

In Paraguay è presente una comunità di origini italiane. Leggete il breve racconto della storia di una delle famiglie italiane che emigrò in Paraguay nei primi anni del Novecento

 

 

Un viaggio nel cuore del Paraguay raccontato dallo scittore John Glimette

 

Un'alta percentuale di paraguaiani, oggi, è di origine italiana, in quanto discendente degli emigrati che vi arrivarono durante e a seguito della guerra della Triplice alleanza. Gran parte di questi emigrati era originario della regione della Lombardia: uno di essi accompagna alla scoperta del Paraguay il presidente dell'Associazione Mantovani nel Mondo

 

Personaggi

Una delle figure tristemente più note è Alfredo Stroessner Matiauda, un politico e militare, dittatore del Pararaguay tra il 1954 e il 1989, fu incriminato per crimini contro l'umanità nel 1997

Italo- Paraguaiani 

Nel 1875, il 15% circa della popolazione del Paraguay era composta da italiani, scopri per quale motivo

 

Protagonista della celebre Guerra della Tripice Alleanza fu Francisco Solano Lopez; presidente del Paese tra 1862 e 1870, egli mantenne il Paese per cinque anni in questa guerra cruenta che portò al crollo dell'economia del Paraguay e al genocidio della sua popolazione

 

Immagine "in costume" di Mangoré

Augustín Pío Barrios Mangoré, detto il Grande Paraguaiano, fu uno dei grandi maestri della chitarra classica. Nella prima parte della carriera usava presentarsi in pubblico con il copricapo di piume tipico dei Guaranì e con il nome d'arte Mangoré, un capo indio avverso alla colonizzazione. Il suo nome è celebre per le composizioni per chitarra, ricca di invenzioni melodiche e raffinate melodie classiche