esplora

Paesi | Americhe | America centrale | Panama

Ambienti naturali e questione ambientale

Sviluppo ed ambiente 

L'ampliamento del canale di Panamá passa necessariamente per il rispetto dell'ambiente: la comunione tra la foresta tropicale e il fabbisogno di acqua per il passaggio delle navi.

Parchi, riserve ed altre aree protette a Panamá divisi per tipologia: parchi nazionali, riserv

India dormida

e naturali, monumenti naturali, oasi, riserve di risorse idriche, paesaggi protetti, riserve forestali e aree naturali protette.

India Dormida 

Famosa montagna che ricorda le forme di una donna distesa a El Valle, piccolo paesino adagiato nel cratere sprofondato di un vulcano

Ad un'ora di in nave o 25 minuti d'aereo da Panama City è possibile raggiungere Las Perlas, arcipelago costituito da 144 isolotti e 39 isole delle quali, la più grande è Isla del Rey (l'Isola del Re) pari a 32 km²

Bocas del Toro

.

Altro arcipelago estremamente rinomato per le spiagge bianche che ospitano le tartarughe marine è quello di Bocas del Toro

Sul versante ovest di Panamá c'è la seconda barriera corallina del Pacifico orientale, al largo delle quali si possono vedere le balene megaptera novaengliae.

Flora, fauna e attività umane

FLORA

In Panama la flora è un autentico paradiso, i meravigliosi alberi e piante fioriscono con una gran festa di

Jacarandá

colori fra i mesi di aprile e giugno, in particolare le acacie gialle e rosse, la "ponciana" rossa, la "lagerstroemia" viola e la "jacarandá" porpora. Tra i mesi di dicembre a luglio fioriscono le "bungavillas" dei più diversi toni. Ci sono pure orchidee di diversi tipi e piante di mille foglie e diversi colori molto abbondanti nel paese con più di 10.000 varietà diverse. Il fiore nazionale di Panama è la Peristeria elata

FAUNA

Le foreste panamensi sono riconosciute mondialmente per accogliere numerose e magnifiche specie. Abbondano le scimmie, i puma, i giaguari, gli ocelotti, gli armadilli, i maiali selvaggi, gli orsi formicai, i conigli, i cervi e altri animali nativi del tropico americano. Esistono più di mille specie diverse di uccelli incluse quelle migratorie che sostano in Panama. Il quetzal, l' ara e l'aquila arpía, uccello nazionale, nidificano in Panama.
Uno degli animali tipici di Panama è la rana dorata, simbolo di prosperità e buona fortuna

Territori urbani

Trasporti urbani

Vecchi scuolabus statunitensi adibiti a bus

Panama City

Poco lontano dal famoso canale è possibile visitare Panama City, capitale dello stato, città che ricorda lo sfarzo delle metropoli statunitensi anche a causa della prolungata presenza americana nel Paese ma che, contemporaneamente, possiede la più grande foresta pluviale urbana al mondo (fai un giro in automobile tra le strade della città o guarda i suoi volti, specialità e tipicità!)

Una delle principali attrazioni di Panama City è l'antico centro della città ricostruito nel 1673 e conosciuto come Casco Viejo in comntrapposizione con la città moderna

Il Canale di Panamá 

Unione artificiale tra l'Ocenao Pacifico e l'Oceano Atlantico, il canale fu progettato da Ferdinand de Lesseps, costruttore del canale di Suez, poi sostituito da Gustave Eiffel, costruttore dell'omonima torre. (Clicca qui per un approfondimento!) Il canale pose così in ombra la ferrovia del Panama, prima ferrovia transcontinentale.

Alcune informazioni su tre importanti città di Panamá: Colón, importante centro portuale ed industriale, David e Boquete (materiali prodotti dal Liceo classico "Giovanni Berchet", Milano, classi IV-VD, a.s.2004-2005)

 

Territori rurali

Nonostante la forte crescita economica, i livelli di povertà in Panamá restano piuttosto alti. L'incidenza appare particolarmente alta nelle aree rurali, soprattutto le zone pccupate dai popoli indigeni, dove poco più del 45% della popolazione è povera.

Alcune informazioni riguardanti l'associazione dei piccoli e medi produttori di Panamá

Popoli

Cultura e tradizioni dei popoli panamensi:

l'etnia più numerosa è quella degli Ngobe-Buglé, formalmente conosciuti come Guaymí

Indiani Guaymi

Poco più di 1000 indios Teribe (detti anche Naso) vivono lungo i fiumi Teribe, San Juan e Changuinola nella provincia occidentale di Bocas del Toro (guarda il video). Quasi tutti parlano la lingua Teribe che appartiene alla famiglia Chibcha.

Indios Emberá

Il popolo degli Indios Emberá, composto da circa 15.000 persone, vive nella provincia del Darien panamense assieme ai Waounan con i quali condividono vari aspetti culturali; entrambi i popoli sono infatti riconducibili agli antichi abitanti del Paese provenienti dalla Colombia, i Chocoe e i Chibcha

I Kuna sono gli indios delle isole di San Blas, abitanti originari della

Donna Kuna

costa Atlantica di Panamá; mantengono una propria autonomia amministrativa e conservando i propri usi e costumi tradizionali, in un delicato e ammirevole equilibrio tra uomo e natura che può dare un'idea della situazione delle popolazioni indigene americane 500 anni fa, prima dell'arrivo di Colombo e della "civiltà" europea.

Diritti e cittadinanza

"Non avere identità, infatti, non avere documenti, non dà la possibilità di accedere ai servizi pubblici di base, come scuole ed ospedali, non dà la possibilità di votare e limita anche lo sviluppo sociale della popolazione." Il diritto di cittadinanza dei bambini panamensi

Per i popoli indigeni i fiumi sono risorse fondamentali: per gli spostamenti, per lavare e anche per il gioco dei loro figli; all'arrivo dei progetti idroelettrici gli indigeni si trovano di fronte ad un dilemma: godere dei vantaggi derivanti dai progetti o preservare la propria cultura e tradizioni: l'esperienza del popolo Naso (guarda anche il video!)

La costruzione di una diga da parte della società Urrà nel rio Sinù ha danneggiato le coltivazioni e la vita delle popolazioni indigene Embera Katio e dei pescatori della zona e ha causato lo stravolgimento del ciclo idrico della regione: descrizione del conflitto

 

Realtà economica e politica

Esportazioni 

Il principale prodotto da esportazione di Panamà è la banana, nonostante, di recente, il settore sia in forte calo

La presenza del canale, iniziato nel 1879 dall'ingegnere francese Ferdinand de Lesseps, influenza fortemente l'economia di Panamá grazie alle entrate derivante dai pedaggi; il settore economico trainante è comunque il terziario e, di recente, quello finanziario, grazie all'apertura di numerosi istituti bancari

 

 

La guerra delle banane 

Chiquita, Dole e Del Monte sono le tre più grosse multinazionali della banana e da sole controllano il 75% delle banane commercializzate nel mondo. Europa e Stati Uniti si contendono il primato del mercato della banana

L' economia di Panamá è basata inoltre sul movimento di denaro (tutte le banche piu’ forti del mondo hanno affari a Panama), e sul commercio a livello globale: a Colon si trova la seconda zona porto franco piu’ grande del mondo, dopo Hong Kong, in Cina. Panama è un paradiso fiscale con uno dei centri bancari più importanti del mondo e con le grandi imprese mondiali (Federal Express, DHL, Sears, Price Cosco, Bell South…)

 

Monete e banconote

La valuta che ha corso legale a Panama è il dollaro USA. Esiste ufficialmente una moneta nazionale, denominata "balboa", con valore sempre uguale al dollaro ma che è emessa solo in monete da 5, 10, 25 e 50 centesimi che ricalcano in peso e colore le corrispettive monete americane. Nel 1941 il presidente, fece stampare delle banconote in Balboa, che furono ritirate 7 giorni dopo e furono soprannominate "Il dollaro dei sette giorni", queste furono le uniche banconote in Balboa, nel Paese infatti vengono comunemente utilizzate le banconote statunitensi.

Ha questo nome in onore del conquistatore spagnolo Vasco Núñez de Balboa navigatore spagnolo che scoprì il Mare del Sud.
Il Balboa ho rimpiazzato il peso colombiano nel 1904, in seguito all'indipendenza del paese.

Cibo, alimentazione e ricette

Ceviche panamense

Curiosità... 

Se durante il vostro viaggio a Panamá avrete voglia di un fresco succo di frutta, ricordate di chiamarlo Chicha e godetevi i numerosi gusti: ananas, anguria, tamarindo, graviola, mango, melone, fragola, mora, carota e orzo

In alcune lingue indigene Panamá significa abbondanza di pesce e, ovviamente, non capita a caso poichè entrambe le coste del Paese abbondano di pesce, come anche la cucina panamense: gamberetti, granchi, polpi cernie ed aragoste non potranno mancare dai menù dei ristoranti costieri: dal Ceviche, cernia marinata con cipolla e peperoncino piccante tritati, alla minestra di pesce con ñame

Menù panamense: ingredienti più utilizzati, specialità culinarie tipiche e bevande

Alcune ricette: lombo di maiale con sale ed erbe, pesce in salsa agrodolce, il riso originale

Carimañolas, ricetta tipica della zona costiera: un piatto fritto per la colazione panamense

Hojaldres

I piatti tipici panamensi sono il Gallo Pinto (come anche per il Costa Rica), servito solitamente a colazione, il Sancocho e, per dolce, le Hojaldres, ciambelle fritte ricoperte di zucchero

Case e insediamenti umani

Casa tipica delle regioni costiere

Insediamento informale a Panama City

Case in legno, architetture e rovine di antichi edifici di Panama City

Case tradizionali delle varie etnie panamensi:

Emberá, Ngobe-Buglé, Teribe, Kuna

 

Arte tradizionale e moderna

ARTE PRECOLOMBIANA

Sito archeologico El Caño

Negli anni Settanta, i trattori di una

Huacas 

Gli Huacas sono monili d'oro, fabbricati dai nativi e rinvenuti nelle tombe indigene, la cui funzione era quella di accompagnare e proteggere l'anima del defunto.

compagnia di macinatura delle canne da zucchero si imbatterono fortuitamente nel più importante sito archeologico di Panamá: El Caño, così chiamato in onore di uno marinaio che accompagnò Ferdinando Magellano nei suoi viaggi; dieci anni di studi e scavi rinvenirono alcune collinette circondate da una fila circolare di pietre, collinette che si rivelarono vere e proprie tombe indigene

L'arte panamense: a partire dai reperti precolombiani dei siti più conosciuti (Chirquí, Coclé, Conte), l'architettura coloniale, fino all'arte moderna

ARTIGIANATO

Chaquira

La tradizione panamense prevede caratteristiche sottane chiamate Naguas e grandi col

Naguas

lane di perle multicolori, le

Il cappello Panama 

Il Panamá, o cappello di Panamá è un tipo di cappello intrecciato a mano con fibre di palma nana. In realtà nasce in Ecador ma prende il nome Panamá grazie ad un curioso evento: fu indossato dal presidente Roosvelt durante l'inaugurazione del canale di Panamá nel 1906. Il vero cappello panamense è il sombrero pintado.

Chaquiras, tipici delle province orintali del Paese mentre ceste e sculture di Tagua (avorio vegetale) dalle forme più varie: rane, pappagalli e altri uccelli, mammiferi, serpenti, tartarughe e tanti altri!

Le Molas sono un elemento caratteristico dell' abito tipico degli indiani Kuna, sintesi della tradizione kuna e delle influenze del mondo moderno

Abito tipico delle donne Kuna

..e ancora: borse di chacara (tessuto ricavato dall'intreccio di fibre di foglie di ananas) utilizzate dalle donne Ngobe-Bugle per il trasporto, dai bambini ai prodotti alimentari e maschere degli emberá

 

Musiche e danze

La musica di Panamá è frutto delle numerose culture che hanno raggiunto il Paese: dapprima quella pre-colombiana dei popoli Kuna, Teribe e Ngobe-buglé, poi quella spagnola e poi degli schiavi africani che solcarono le coste caraibiche. Per questo motivo, i generi musicali che si possono incontrare sono i più svariati. La musica popolare tradizionale è fusione di tutti questi elementi

Mejorana

La musica tradizionale panamense detta Pindin ha come strumento principe la fisarmonica che, assieme alla mejoranera, un strumento simile alla chitarra ma più piccolo e con un "collo" più corto, sono i più diffusi nel Paese; la mejoranera ha 5 corde che tradizionalmente venivano ricavate dalle fibre asciutte del Bejuco (un rampicante), poi dalla criniera dei cavalli, dalle budella e, infine, sostituite dal nylon. Altro strumento tipico è il rabel utilizzato, assieme alla mejoranera, per suonare cumbia, pasillo (ascolta qui!) e punto, musiche che danno il nome anche ai rispettivi balli

 

La danza nazionale di Panamá è il Tamborito, ballata solitamente in costume tipico assieme a punto e cumbia

Giochi e attività ludiche

Mariano Rivera

Eroe Nazionale nel gioco del baseball

Lo sport preferito dai panamensi è il...baseball! In tale scelta ha influito molto la lunga occupazione statunitense; il vero motivo di orgoglio dei panamensi, tuttavia, è il pugilato soprattutto grazie soprattutto al famoso pugile Robert Durán, che vinse il titolo mondiale

Roberto Durán

dei pesi medi nel 1972.

I Giochi Panamericani sono, dopo quelli olimpici, la maggiore manifestazione sportiva multi-disciplinare in termini di nazioni partecipanti: organizzati ogni quattro anni, nell'anno precedente quello delle Olimpiadi, vedono in competizione atleti dei paesi del continente americano. Fra gli sport rappresentati ve ne sono alcuni tipicamente latino-americani, come ad esempio la palla basca

Feste e riti religiosi

Tra le festività nazionali panamensi vi è il giorno dei Martiri, festa che celebra le rivolte che hanno avuto

Giorno dei Martiri

Monumento in ricordo dell'issata della bandiera panamense

luogo il 9 gennaio 1964 con l'obiettivo di richiamare l'attenzione sulla bandiera panamense issata sulla Zona del Canale, allora territorio occupato dagli Stati Uniti in virtù del trattato Hay- Bunau Varilla del 1903. Tali disordini provocarono la morte di 21 panamensi e 4 poliziotti statunitensi

I giorni dell'Indipendenza celebrati dai panamensi

Panamá è la capitale del Carnevale centroamericano: 96 ore di festa ininterrotta tra musiche, danze e spruzzi di acqua per rinfrescare la gente che rischia di cuocere sotto il sole

 

 

FOLKLORE

E' presente nelle feste popolari e nei balli tradizionali colorati dalla Pollera, l'abito tradizionale,

completato dai Tembleques, ghirlande di fiori che adornano i capelli delle donne. Gli uomini, invece, indossano camicie ricamate a manica lunga e sombreros pintados (vai alla sezione arte!)

Fiabe e racconti

El Dorado, la celebre leggenda della città dorata

 

L'altare d'oro:

"Nella chiesa di San josé della città di Panamá c'è un altare d'oro antico più di tre secoli..."

Testimonianze

Letture consigliate 

Alcune opere consigliate per intraprendere primo viaggio letterario alla scoperta di Panamà

Viaggio a Panamá di Carlo e Jessiama: Panama City e le isole panamensi (2003)

 

Viaggio turistico di Licia e Dino: Panama City, Boquete, Bocas del Toro (Isla Bastimentos), Las Lajas, Santa Clara, Isla Contadora, Panama City (2008)

 

Si segnalano due opere scritte da autori panamensi: Yar Burba, Anmar Burba: Espiritu de la tierra, Nuestro Espiritu scritto da Iguaniginape Kungiler in spagnolo e kuna e Gamboa road Gang, scritta da

gambo

Joaquín Beleño e considerata la miglior opera narrativa ispirata alla realtà politico-sociale che fà da sfondo al Canale di Panamá

Personaggi

Rubén Blades, attore, musicista e attivista politico panamense

Rubén Blades

Irving Saladino, primo atleta panamense capace di vincere una medaglia d'oro ai Campionati mondiali di atletica leggera e primo campione olimpico panamense alle Olimpiadi di Pechino 2008

Omar Torrijos, fu il promotore del colpo di stato del 1968 e famoso per i trattati Torrijos -Carter tra Panamá e Stati Uniti che riportarono il controllo panamense sul canale, fu autore di importanti riforme sociali per il diritto allo studio.

Arnulfo Arias

Arnulfo Arias, eterno nemico di Omar Torrijos, aveva creato la previdenza sociale e portato il diritto di voto alle donne