esplora

Paesi | Asia | Asia meridionale orientale | Filippine

Ambienti naturali e questione ambientale

Le Filippine sono un arcipelago di 7107 isole nel sud est asiatico. Solo una piccola parte di queste isole è abitata e le due principali tra esse, Luzon e Mindanao, costituiscono da sole il 66% del territorio di questo paese.

Questo arcipelago per la sua posizione è caratterizzato da una spiccata biodiversità e da un accentuato endemismo, che permettono di individuare le Filippine come uno dei 25 "hotspot", cioè punti caldi, della biodiversità della Terra.

 

Il cratere del vulcano Pinatubo

Le Filippine presentano caratteristiche geomorfologiche di tipo vulcanico dovute alla loro collocazione all'interno della così detta "Cintura di Fuoco" del Pacifico. Molte isole non sono altro che antichi crateri e alcune hanno ancora attività vulcaniche in corso, come nel caso del vulcano Mayon e del vulcano Pinatubo. Questa caratteristica fa delle Filippine uno dei paesi con più alta disponibilità di energia geotermica del mondo.

cosa sono i vulcani? 

Clicca qui per saperne di più!

 

 

Una frana dovuta probabilmente alla deforestazione

Le Filippine, originariamente ricoperte di foreste pluviali vergini, detengono oggi il triste primato della deforestazione, dovuta all'esportazione del legname e allo spostarsi della popolazione, sempre più numerosa, verso terreni un tempo incontaminati che vengono convertiti in colture intensive. L'erosione del suolo che ne consegue è causa di smottamenti e frane che mettono in grave pericolo il territorio e la popolazione che lo abita.

Chocolate Hills 

Guarda il video che mostra queste colline dalla forma particolare.

 

Le coste di molte isole dell'arcipelago delle Filippine sono ricche di mangrovie e barriere coralline: si tratta di due habitat molto delicati che richiedono tempi lunghissimi per formarsi e che troppo facilmente sono minacciati come nel caso della ricerca di gas e petrolio o del proliferare degli allevamenti di gamberetti. La perdita di questi habitat ha delle ricadute pesanti anche sulla popolazione locale tradizionalmente legata alla pescosità di queste acque.

Aree protette nelle Filippine 

Scopri quali sono e individuale sulla carta!

 

 

 

 

Il Parco marino di Tubbataha è iscritto dal 1993 nella lista del Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco per la incontaminata varietà della flora e della fauna che qui vi abita.

Le aree marine protette si sono rivelate, anche nelle Filippine, un progetto sostenibile sia per l'ambiente che per la popolazione locale.

Flora, fauna e attività umane

Un taxi speciale 

A Tabontabon il sindaco ha chiesto ed ottenuto che i taxi venissero costruiti in bambù, un materiale di cui nelle Filippine c'è grande disponibilità e che è resistente come l'acciaio.

La posizione delle Filippine, il suo clima, il suo essere arcipelago rendono la flora e la fauna qui presenti estremamente vari e caratterizzate da una spiccata biodiversità e da un accentuato endemismo, che permettono di individuare le Filippine come uno dei 25 "hotspot", cioè punti caldi, della biodiversità della Terra.

Palme nelle Filippine

Nelle Filippine ci sono circa 10000 tipi di alberi, arbusti e felci. Le specie più diffuse sono le palme e i bambù.

 

 

 

Albero di Mango con frutti

Pur essendo originario dell'India, il mango cresce ormai da secoli anche nelle Filippine, come in tutta la fascia tropicale. Il frutto viene consumato fresco o secco.

 

Il tasso di deforestazione nelle Filippine è altissimo: si calcola che tra il 1990 e il 2000 siano andati perduti più di 89.000 ettari di terreno boscoso. Questo causa perdita di biodiversità.

 

Aquila delle Filippine

L'aquila delle Filippine è un rapace che si ciba anche di scimmie e per questo viene detta anche aquila delle scimmie. Si tratta di una specie in via d'estinzione, riconosciuta come emblema di questo stato sulla cui bandiera compariva durante il periodo della monarchia.

Il Tamarù, detto anche Bufalo di Mindanao, ha delle dimensioni più tozze del normale bufalo. Ciò è dovuto probabilmente all'isolamento in cui vive. Si tratta di una specie che rischia l'estinzione a causa del bracconaggio e della distruzione del suo habitat naturale.

Cacatua delle Filippine in cattività

Il Cacatua delle Filippine sono caratterizzati dal becco adunco e dal ciuffo di piume sulla testa.

 

 

Tupaia

La Tupaia è un animale tipico del sud est asiatico che non è ancora stato classificato precisamente dagli zoologi in quanto presenta delle caratteristiche che lo porterebbero a far parte della famiglia dei topiragno e altre che lo avvicinerebbero di più ai primati, in particolare la grandezza del cervello.

 

 

Il Tarsier è la scimmia più piccola esistente e vive nelle foreste pluviali delle Filippine.

Territori urbani

Le città delle Filippine possono avere regimi amministrativi diversi: alcune, più piccole, sono autonome e governate da un sindaco ma dipendono poi dalla provincia in cui sono inserite, altre, dette "Città altamente Urbanizzate" hanno il diritto ad avere un proprio rappresentante direttamente in Parlamento. Tra queste ci sono Manila e Quezon.

Il centro di Manila

La città di Manila si trova sull'isola di Luzon ed è inserita all'interno di un'area metropolitana di cui fanno parte altre 16 città e che conta in totale circa 10 milioni di abitanti. Manila è da sempre un porto importante e un centro per i commerci internazionali che venne fortificato durante la dominazione spagnola per essere protetto da possibili aggressioni esterne. Guarda le strade trafficate di Manila attraverso un video.

Quezon all'interno dell'area metropolitana

 

Quezon è la più grande città compresa nell'area metropolitana di Manila. Fu fondata nel 1939 per opera del presidente Quezon che decise di acquistare l'area su cui poi sorse la città per creare un posto in cui ogni persona potesse vivere con orgoglio e rispetto di se stessa. A Quezon si trova fra l'altro una delle migliori università del sud est asiatico.

Territori rurali

I terrazzamenti di Banaue

Più di 2000 anni fa a Banaue, nell'isola di Luzon, vennero scavati i terrazzamenti tutto'ora utilizzati per coltivare il riso. Essi si servono ancor oggi dell'antichissimo sistema di irrigazione che porta l'acqua della foresta pluviale alle coltivazioni. Nel 1995 questi terrazzamenti vennero iscritti nella lista del Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco.

Anche i terrazzamenti di Ifugao, risalenti a 3000 anni fa ed iscritti nella lista del Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, sono tutt'ora utilizzati. Per preservare l'intergrità e l'unicità di questo territorio ricco di storia e di valore culturale, sono stati dichiarati zona OGM free.

Il riso è la base dell'alimentazione nelle Filippine: la forte urbanizzazione e le catastrofi naturali che hanno colpito questo paese negli ultimi anni, hanno però ridotto gli spazi dedicati alla coltivazione di questo cereale. Insieme alle speculazioni internazioneli, è questo uno dei motivi per cui il prezzo del riso è aumentato con gravi conseguenze per la alimentazione delle fasce più povere della popolazione.

Riso OGM 

Come molti altri paesi asiatici in cui il riso è la base dell'alimentazione, anche le Filippine sono investite dalle pressanti richieste di introdurre riso ogm sostituendolo alle varietà originarie. Molti sono però i pareri contrari specie per i problemi legati alla perdita di biodiversità e per la dipendenza che si verrebbe a creare per i produttori nei confronti delle aziende che promuovono queste produzioni.

 

Una agricoltura capace di essere sostenibile nel tempo, cioè di lasciare alle generazioni future un terreno ancora produttivo perchè non inaridito dalle colture intensive e dall'uso dei fertilizzanti: è questa la sfida che si pongono alcuni progetti di cooperazione internazionale legati al circuito del commercio equo e solidale in collaborazione con gruppi di produttori filippini.

 

Mango

 

 

 

I frutti tropicali come il mango e il cocco sono tra i prodotti filippini che vengono coltivati e venduti sia sul mercato locale che su quello internazionale, una parte anche attraverso il circuito del commercio equo e solidale.

raccolta del caucciù

 

Le Filippine sono uno dei maggiori produttori mondiali del caucciù, un albero della famiglia delle Eufobiacee da cui si ricava la gomma, cioè, appunto il caucciù, contenuto nel lattice della pianta. Nel 1998 e nel 2002, però, una serie di incendi hanno danneggiato una buona parte del patrimonio forestale delle Filippine provocando anche la perdita di numerosi alberi del caucciù.

L'Unesco sta sviluppando una convenzione sulla salvaguardia del "patrimonio naturale intangibile": si tratta di raccogliere e trasmettere tutte quelle conoscenze e abilità che riguardano le aree rurali e che sono patrimonio delle persone anziane che abitano tali territori. Nelle Filippine un progetto pilota ha già raccolto i frutti della trasmissione di questa "conoscenza tacita"

Reti stradali e ferroviarie

Dei 160.000 km di strade presenti nelle Filippine, sono poco meno di 30.000 quelli asfaltati. Durante la stagione delle piogge, da giugno ad ottobre, molte strade diventano perciò impraticabili.

La Halsema Highway corre lungo la Cordigliera per 250 km. Specialmente durante la stagione delle piogge è considerata una delle strade più pericolose al mondo.

Mezzi di trasporto 

Le Jeepney sono uno dei mezzi più diffusi per percorrere le strade delle Filippine. Il livello di inquinamento prodotto da una Jeepney è così alto che Greenpeace ha proposto e realizzato le prime Jeepney elettriche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Filippine fanno parte del Progetto denominato Autostrade per l'Asia che prevede di incrementare la rete autostradale di questo continente e di collegarlo in modo più diretto con l'Europa.

 

L'unica tratta ferroviaria delle Filippine è quella che collega Manila a Naga. Leggi il diario di viaggio di chi l'ha percorsa.

riproduzione di una antica nave filippina

In un paese composto da tante isole come sono le Filippine, fondamentali risultano essere i collegamenti via mare.

Popoli

 

Mappa delle lingue parlate nelle Filippine

 

Grazie alla loro storia ed alla loro posizione geografica, le Filippine contano una grande varietà di etnie sul proprio territorio che si differenzaino tra loro quasi esclusivamente per le diverse lingue parlate. Si calcola che delle 175 lingue presenti in questo stato ben 171 siano tutt'ora utilizzate dalla popolazione.

 

Poco più del 5% della popolazione è di religione musulmana: si tratta dell'etnia Moro che abita prevalentemente sull'isola Mindanao. La convivenza tra cristiani e musulmani è spesso fonte di grossi conflitti anche se non mancano momenti di convivenza quotidiana pacifica.

 

La comunità filippina in Italia è costituita in modo importante da donne: quale sia il loro ruolo fondamentale per le loro comunità di origine è al centro di uno studio delle Nazioni Unite.

 

 

 

Nelle Filippine ci sono due importanti gruppi di meticci: quello di origine spagnola e quello di origine cinese.

 

Sono, inoltre, presenti alcune comunità tribali caratterizzate dal fatto di non essere state influenzate nè dalla cultura cristiana nè da quella musulmana. Tra queste ricordiamo gli Igorot popolo aborigeno della Cordigliera che si batte per il diritto a coltivare la terra su cui abita

 

Bambino Igorot

.

Le Filippine sono paese di migrazioni sia interne sia verso paesi dell'Asia, dell'Europa e delle Americhe dove si calcola che siano emigrati circa 8 milioni di persone. La danza può essere un veicolo per mantenere un legame con le proprie origini e consegnare la propria cultura ai propri figli: leggi l'esperienza di un gruppo nato con questo obiettivo in Canada e guarda le foto.

 

Per conoscre meglio le tradizioni e le usanze del popolo filippino, leggi l'intervista di una classe di Venezia ad una mediatrice culutrale filippina.

Diritti e cittadinanza

 

 

Nelle Filippine si stima che 2,2 milioni di bambini tra i 5 e i 14 anni lavorino, anche se probabilmente il numero è molto più elevato. Molti di loro scavano tra i rifiuti per rivendere quanto trovano, altri vengono utilizzati per la pesca subacquea nell'oceano. E questo nonostante una legge vieti il lavoro fuori casa per i bambini al di sotto dei 15 anni e i lavori pericolosi per i ragazzi al di sotto dei 18.

 

Le Filippine sono uno dei paesi asiatici in cui è testimoniato l'arruolamento di bambini soldato.

 

Lavorare per i diritti dei lavoratori e delle persone nelle Filippine può richiedere il coraggio di pagare di persona le proprie scelte: leggi la storia di Geraldine Labradores accusata ingiustamente nel tentativo di farle interrompere la sua attività.

Donne appartenenti alla minoranza Igorot

 

 

Gli Igorot sono i popoli aborigeni della Cordigliera che si battono per il loro diritto a coltivare quella terra da cui vengono cacciati per far posto agli interessi economici di grandi gruppi.

Realtà economica e politica

L'inno nazionale filippino 

la musica dell'inno fu suonata per la prima volta nel 1898 quando, il 12 giugno in occasione della Giornata della Indipendenza, fu spiegata per la prima volta la bandiera filippina: ascoltalo!

 

L'economia delle Filippine è fortemente legata al settore primario: le coltivazioni di cereali, quali il riso e il mais, della frutta, come le banane, gli ananas, il cocco, del caucciù e della canapa costituiscono, oltre che il motore dell'economia locale, anche la base dell'industria agroalimentare e la materia prima di molte esportazioni.

Il bambù è una delle materie prime facilmente reperibili nelle Filippine. I progetti del commercio equo e solidale cercano di rendere questa coltivazione una occasione di reddito sostenibile per la popolazione locale.

La bandiera delle Filippine 

Il blu della bandiera filippina indica il desiderio di pace e il rosso il coraggio in battaglia. Per questo motivo in tempo di guerra la bandiera viene issata con il colore rosso verso l'alto.

 

 

 

La pesca è molto sviluppata anche se questa tradizionale forma di sostentamento locale è minacciata, tra l'altro, dal proliferare degli allevamenti di gamberetti che espropriano gli abitanti delle costei e provocano la perdita degli habitat caratterizzati dalle mangrovie e dalle barriere coralline che garantivano la pescosità del mare.

L'industria manifatturiera è in continua espansione soprattutto nei settori tessile, agroalimentare e del tabacco.

Un nuovo fenomeno che riguarda i mercati globali è quello che sta spostando nelle Filippine molti servizi di call-center internazionali. Le Filippine, che sono state colonia statunitense, possono infatti offrire personale in grado di parlare perfettamente l'inglese ad un costo più basso di quello di paesi come l'India che, anzi, sta lei stessa provvedendo a spostare in questo paese i propri call- centers. Per rispondere alle chiamate delle persone che abitano in altre parti della terra, come per esempio l'Europa o gli Stati Uniti, una gran parte del lavoro deve essere effettuato quando nelle Filippine è notte e questo sta provocando dei grossi problemi sociali per i lavoratori di questi settori.

Monete e banconote

Cibo, alimentazione e ricette

La cucina filippina risente dell'influenza delle cucine spagnola, malese e cinese ed è inoltre caratterizzata dalla grande varietà di pesce, carne, frutta e verdura che il territorio offre.Nell'isola di Mindanao è presente anche la cucina musulmana che si ritrova in particolare negli stufati di carne.

Il riso bollito e non condito è l'ingrediente di base di tutta la cucina filippina: può essere accompagnato da pesce, carne e verdure.

Singsang è una zuppa di carne o pesce con verdure cotta in brodo acido di tamarindo

Un menù filippino 

per presentare la cucina filippina: leggi e guarda le immagini.

la cottura dei maialini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il piatto nazionale delle Filippine è il maialino da latte cotto alla griglia che il 24 giugno, durante la festa di Manila, è al centro dei festeggiamenti.

 

 

Gli spiedini di interiora di pollo cotte alla griglia con varie spezie sono un classico spuntino che si può acquistare per le strade delle grandi e piccole città filippine. Pare si tratti di un piatto che affonda le sue radici ai tempi della dominazione spagnola, quando alla popolazione autoctona e spesso asservita venivano lasciate solo queste parti del pollo.

 

Binatong 

E' una merienda classica che si può comprare per strada dai venditori ambulanti in bicicletta. Si tratta di chicchi di mais bianco che vengono lessati e serviti caldi.

Binatong

Adobo

 

 

L'Adobo è una ricetta tipica di tutto il mondo che ha avuto contatti con gli spagnoli. Adobo significa stracotto e nelle Filippine può essere preparato con carne di pollo o agnello.

 

La merienda è uno spuntino tipico della mattina e può sostituire anche il pranzo mentre al pomeriggio e alla sera si mangiano i pulutan veri stuzzichini da mangiare accompagnati da una birra.

La papaia acerba viene servita a fette con pesce fermentato o pasta di gamberi

Cocco e riso sono la base di questo dolce filippino.

Case e insediamenti umani

 

piccolo villaggio rurale

 

Le case delle zone rurali delle Filippine sono solitamente fatte in bambù e paglia.

 

Nelle città si trovano ancora delle costruzioni di origine spagnola anche se la maggior parte dell'architettura urbana è ora di tipo statunitense.

 

Arte tradizionale e moderna

L'arte delle Filippine risente da una parte della lontananza dalle grandi civiltà asiatiche, dall'altra della sua posizione di crocevia dei traffici mercantili non solo asiatici ma internazionali. Tra il XVI e il XIX secolo furono gli spagnoli ad imporre il loro gusto che si riconosce tutt'ora soprattutto nell'architettura dei palazzi e delle chiese alcune delle quali sono oggi iscritte nelle liste dell'Unesco in quanto Patrimonio dell'Umanità

una delle chiese barocche iscritte nelle liste dell'Unesco

Dell'epoca precedente al colonialismo ci sono giunti gli Anitos, sculture lignee espressione della cultura Igorot.

un cucchiaio antico di origine Igorot

Musiche e danze

Una canzone filippina 

allo Zecchino d'oro ci parla della bellezza della musica: guarda il video e leggi le parole.

La musica delle Filippine è un insieme di musiche di origine europea, americana ed autoctona. I canti hanno origini molto antiche in questo paese: insieme alla recita di formule magiche ed incantesimi hanno accompagnato per secoli alcuni momenti della vita degli abitanti di queste isole, come quello della semina e quello del raccolto. Tra gli altri ricordiamo il Kundiman, una antica lirica d'amore.

strumenti caratteristici per suonare la musica kulintang

I Philippine Madrigal Singers sono un coro che porta nel mondo un repertorio di canti della tradizione filippina ed internazionale Per questo sono stati riconosciuti Ambasciatori di pace dall'Unesco: guarda il video.

 

 

Il Kulintang è la musica tradizionale delle isole meridionali delle Filippine che, un tempo, veniva suonata anche dai meno esperti nei momenti di convivialità. Si basa sul ritmo di un insieme di gong in bronzo di varie dimensioni, allineati su una pedana di legno. Guarda il video di questa anziana esperta suonatrice.

 

 

Le Filippine sono paese di migrazioni sia interne sia verso paesi dell'Asia, dell'Europa e delle Americhe. La danza può essere un veicolo per mantenere un legame con le proprie origini e consegnare la propria cultura ai propri figli: leggi l'esperienza di un gruppo nato con questo obiettivo in Canada e guarda le foto.

 

Guarda la Danza delle candele, proposta da un gruppo delle Filippine durante la Feste delle culture di Udine.

danzatori

Ecco la danza proposta da un gruppo filippino durante un festival in Italia: guarda e ascolta i suoni

Giochi e attività ludiche

Lo sport nazionale delle Filippine è il basket che viene giocato un pò ovunque dai ragazzi. La nazionale filippina di basket ha collezionato numerosi riconoscimenti: guarda il video!

il basket come occasione di aggregazione 

Sono molte le squadre di basket filippine che giocano in Italia: leggi questa interessante esperienza!

Squadra di basket di Napoli

 

giocatore di jai alai

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo Jai alai è uno sport nato in Spagna che si gioca con una pallina e una cesta curva che funge da racchetta: era giocato originariamente alla domenica dopo la messa come momento ricreativo.Nelle Filippine questo sport, che ha due versioni, una individuale e una di squadra, è molto popolare

Si chiama kali l'arte marziale delle Filippine diffusa in tutto il mondo che prevde l'uso di un bastone corto o delle mani nude.

Feste e riti religiosi

un momento dei Cutud Lenten Rites

Pasqua è la festa più importante per i filippini che sono un popolo prevalentemente cattolico. Nella località di San Pedro Cutud la passione e morte di Cristo vengono messe in scena attraverso i Cutud Lenten Rites, dei rituali che ripercorrono in modo realistico le tappe della via crucis e prevedono tra l'altro la flagellazione come manifestazione del pentimento quaresimale di quanti vi partecipano.

Il Natale delle Filippine è vissuto come festa principalmente religiosa, ma la sua preparazione e la sua durata impegnano ben 5 mesi della vita dei filippini, da settembre a gennaio.

Scuola ed educazione

 

La prima settimana di scuola 

di un bambino filippino: attento, dovrai esercitare il tuo inglese!

 

 

Il sistema scolastico filippino è abbastanza ampio ed efficiente: la scuola pubblica è gratuita dalle elementari fino alla fine della scuola secondaria ma moltissime sono le scuole private che hanno un ruolo fondamentale soprattutto nell'istruzione superiore ed universitaria.

Scopri le Filippine attraverso l'intervista di una classe di Venezia ad una mediatrice culturale filippina.

 

Fiabe e racconti

"La pelle color cioccolato" ci racconta di Magbabaya, il dio della vita, che vedendo la terra solitaria decide di creare della gente che la abiti.

"Io sono filippino" narra le vicende di un ragazzino filippino, nato in Italia, che ci fa conoscere le tradizioni e i modi di vivere della comunità filippina di Roma.

"Juanito e la fata della luna" ci racconta di Juanito che era padrone di 10 bufale e molte risaie, ma un giorno la risaia più grande si trasformò in uno stagno profondo del colore dell'oro.

La Fata della Luna è un libro in cui sono raccolte fiabe della tradizione filippina.

Testimonianze

Nel 1987 Emilio Salgari, famoso romanziere veronese, scrive il romanzo "Le stragi delle Filippine" in cui ricostriuscono il clima e i fatti degli gli anni in cui le Filippine si liberarono del dominio spagnolo alla fine del 1800 e dichiararono la propria indipendenza.

 

Le Filippine sono terre di mare e di montagne, di terreni coltivati a terrazza e di spiagge turistiche e pescose: leggi questo diario di viaggio e guarda le foto che lo accompagnano.

Ascolta e guarda la storia di una ragazza filippina emigarata in Italia quando aveva 13 anni che ci racconta le tradizioni del suo paese e la sua storia di migrazione.

Personaggi

Josè Rizal

Josè Rizal fu un medico, pittore, poeta e patriota filippino che nel 1896 venne giustiziato perchè leader di una associazione di riforma non violenta. Con la sua morte divenne di fatto martire e simbolo per i nazionalisti che volevano l'indipendenza dalla Spagna. Di Rizal è la frase "Noi vogliamo felicità per le Filippine, ma la vogliamo con mezzi nobili e giusti"

Cory Aquino

 

 

Corazon Aquino, detta Cory, venne eletta Presidente delle Filippine nel 1986 e dopo anni di repressione e di lotte interne, vi riportò la democrazia. Il suo mandato non fu però facile: dovette fronteggiare diversi tentativi di colpi di stato, molte calamità naturali con gravi conseguenze sulla popolazione e sul territorio e difficili situazioni internazionali. Cory Aquino è stata il primo Presidente donna dell'Asia.