conosci

Paesi | Americhe | Caraibi | Barbados

Carta d'identità

Bandiera:
Capitale: Bridgetown
Area del Paese in chilometri quadrati: 430
Numero degli abitanti del Paese per ogni chilometro quadrato: 679
Forma di governo: Democrazia Parlamentare
Data dell'indipendenza: 30 novembre 1966
Indipendenza da: Regno Unito
Moneta: Dollaro di Barbados

Spazio fisico

Testo completo:

Barbados è costituita da un basamento di arenarie e argilloscisti, affiorante nel settore nord-orientale, ma in genere ricoperto da strati di rocce calcaree fossilifere, che presumibilmente si depositarono durante un lungo periodo di sommersione dell'isola; questa riemerse in successive fasi, intervallate tra di loro, così da permettere il formarsi di costruzioni coralline che orlano sia i versanti dell'isola a diversa altezza, sia la linea di costa. Verdeggiante e dolcemente ondulata, Barbados culmina a 337 m nel Monte Hillaby; la morfologia del territorio è mossa però da profondi solchi, prodotti dall'erosione torrentizia nei suoli calcarei. Il clima è assai salubre, caratterizzato dall'alternanza di una stagione asciutta (da dicembre a maggio) con una piovosa (da giugno a novembre); le precipitazioni, più copiose nell'interno, si aggirano sui 1.600 mm annui; le temperature variano da una media di 22 °C nei mesi più freschi a una di 30 °C in quelli più caldi. Data la natura del suolo, quasi nulla è la rete idrografica superficiale, mentre ben sviluppata è quella ipogea.

Ambiente umano

Testo completo:

Del tutto scomparsi gli originari abitatori, oggi la popolazione di Barbados è formata essenzialmente dai discendenti dei neri condotti a Barbados a lavorare nelle piantagioni di canna da zucchero. Più tardi giunse un piccolo contingente di asiatici, che con i bianchi, quasi tutti inglesi, e i meticci completano il composito panorama etnico, proprio dell'area antillana. Centro principale e porto più attivo è la capitale Bridgetown (6.700 abitanti), sulla costa sud-occidentale; tra le altre cittadine sono Holetown, il più antico insediamento stabile, e il centro portuale di Speightstown.

Aspetti economici

Testo completo:

Dal punto di vista economico, unica ricchezza di Barbados è la canna da zucchero, continuamente migliorata con la selezione delle varietà e l'uso dei fertilizzanti, e le cui piantagioni occupano gran parte della superficie posta a coltura. Per il consumo interno si coltivano mais, patate dolci, manioca, ortaggi, banane; sono inoltre praticati l'allevamento (ovini, suini, pollame) e la pesca. Poco sviluppata è l'industria, quasi unicamente rappresentata da zuccherifici e da distillerie di rhum; si producono anche oli e grassi vegetali, saponi, birra e altri beni d'uso locale. Nel 1981 è iniziato lo sfruttamento di giacimenti petroliferi e di gas naturale. L'attrezzatura alberghiera di gran lusso e i frequenti collegamenti marittimi e aerei (che fanno capo rispettivamente al porto di Bridgetown e all'aeroporto internazionale di Grantley Adams) con le Americhe e l'Europa hanno da tempo posto l'isola di Barbados sulle rotte del turismo internazionale.

Storia

Testo completo:

L'isola di Barbados, scoperta dagli Spagnoli nel 1518, fu occupata da coloni inglesi nel 1627 e da allora rimase sempre sotto controllo britannico. La sua evoluzione costituzionale si concluse nel 1954 con l'inaugurazione del primo governo autonomo presieduto da sir Grantley H. Adams, leader del Partito laburista. Gli abitanti di Barbados sono stati a lungo orgogliosi della loro lunga appartenenza al regno inglese e le abitudini dominanti sono prettamente britanniche. Si può dire che Bridgetown è stata uno dei centri ideali della fallita Federazione delle Indie Occidentali britanniche; non per nulla Sir Grantley Adams fu eletto nel 1958 premier dell'effimero Stato. Dopo lo smembramento della federazione è stato proprio da quest'isola che è partita una nuova iniziativa; infatti E.W. Barrow, primo ministro di Barbados dall'8 dicembre 1961, si fece promotore del rilancio di una piccola federazione che avrebbe dovuto comprendere appunto Barbados, le Isole del Vento e le Isole Sottovento. Tuttavia anche questo progetto fallì, sia per le insanabili rivalità tra le piccole isole, sia per una obiettiva impossibilità economica di instaurare un governo indipendente. Abbandonato perciò ogni ideale federativo, Barbados optò per l'indipendenza, che venne proclamata il 30 novembre 1966. Dopo una lunga egemonia del Democratic Labour Party, il Barbados Labour Party si è imposto come il partito dominante e, nonostante la crisi causata dal problema della disoccupazione, ha continuato a prevalere nelle elezioni dal 1976 al 1986, allorché si impose nuovamente il DLP, il cui leader, Errol Barrow, fu nominato primo ministro. Quest'ultimo tentò di rivitalizzare l'economia e, pur in assenza di significativi risultati, fu confermato dalle consultazioni del 1991. Il consenso per l'esecutivo diminuì dopo l'introduzione nello stesso anno di drastiche misure di austerità, poste dal Fondo Monetario Internazionale come condizione per prestare il suo aiuto alla locale economia. Accusato di aver nascosto la reale gravità della situazione economica, contestato per l'inefficacia delle misure adottate (che comportarono numerosi licenziamenti nel pubblico impiego e nel settore primario), nel 1994 il governo convocò elezioni anticipate, che diedero un'ampia maggioranza al BLP. Presieduto da Owen Arthur, un nuovo governo provò a stimolare la crescita economica e a ridurre la disoccupazione rilanciando le esportazioni, e diede vita ad una commissione di esperti incaricata di studiare eventuali modifiche costituzionali (tale commissione nel 1998 concluse i suoi lavori suggerendo la trasformazione dell'isola in una Repubblica). Grazie anche ai risultati raggiunti nella lotta alla disoccupazione, nelle elezioni del 1999 il governo del BLP ottenne una larga riconferma e il primo ministro Arthur poté rilanciare i suoi programmi volti ad alleviare la povertà di molti suoi concittadini e a trasformare il Paese in una Repubblica.

Popolazione

(?)
Numero degli abitanti del Paese: 273331
(?)
Percentuale degli abitanti del Paese che vivono nella citta': 44,41
(?)
Gruppi etnici piu' numerosi nel Paese:

Neri 90%, Bianchi 4%, Asiatici e misti 6%

(?)
Lingua piu' diffusa e altre minoranze linguistiche:

Inglese (ufficiale)

(?)
Religioni:

Anglicani 28,3%, Pentecostali 18,7%, Metodisti 5,1%, altri 11,3%, Cattolici 4,2%, Cristiani 7%, altre 4,8%, nessuna o non specificata 20,6%

Demografia

(?)
Crescita in un anno del numero di abitanti (in percentuale): 0,21
(?)
Numero di bambini nati in un anno ogni 100.000 abitanti: 10,87
(?)
Numero di morti in un anno ogni 100.000 abitanti: 8,79

Media dell'area geografica: 5.5238461127648 (su un totale di 13 stati)

(?)
Numero di bambine che sono morte prima di aver compiuto cinque anni, ogni 1000 bambini nati: 9,20
(?)
Numero di bambini che sono morti prima di aver compiuto cinque anni, ogni 1000 bambini nati: 10,90
(?)
Numero medio di figli per donna: 1,53
(?)
Rapporto tra i sessi: 98,53
(?)
Rapporto tra i sessi alla nascita: 1,04
(?)
Eta' mediana degli abitanti del Paese : 37,47
(?)
Numero di anni che potrebbe ragionevolmente vivere un bambino che nasce oggi: 73,00
(?)
Numero di anni che potrebbe ragionevolmente vivere una bambina che nasce oggi: 79,50

Indice di sviluppo umano

(?)
Posizione / 179: 38

Indicatori economici

(?)
Valore dei beni e dei servizi prodotti in un determinato intervallo di tempo in un Paese: 4,31
(?)
Valore dei beni e dei servizi disponibili in media per ogni abitante in un anno: 15.554,30
(?)
Quantita' di denaro che e' stata prestata al Paese da governi, enti pubblici o privati di altri Paesi: 0,00

Indicatori socio-sanitari

(?)
Percentuale dei bambini vaccinati a spese dello Stato contro le principali malattie infettive (tutti gli altri non vengono vaccinati): 100
(?)
Percentuale delle donne incinte che riceve assistenza gratuita durante la gravidanza e il parto (e altre donne non ricevono assistenza): 100
(?)
Percentuale di abitanti delle citta' che ha facilmente a disposizione acqua potabile (tutti gli altri non hanno accesso ad acqua potabile): 100
(?)
Percentuale di abitanti della citta' che ha a disposizione servizi igienici adeguati ed una rete fognaria (tutti gli altri non hanno servizi igienici): 100
(?)
Percentuale di tutti gli abitanti del Paese che ha facilmente a disposizione acqua potabile (tutti gli altri non hanno accesso ad acqua potabile): 100
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% urbana): 100
(?)
Percentuale di abitanti delle zone rurali che ha a disposizione servizi igienici adeguati ed una rete fognaria (tutti gli altri non hanno servizi igienici): 100
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% totale): 100

Comunicazioni

(?)
Numero linee telefoniche ogni 100 abitanti: 51,35
(?)
Numero di telefoni cellulari ogni 100 abitanti: 127,01
(?)
Percentuale degli abitanti del Paese che ha accesso a Internet e lo usa (tutti gli altri non hanno accesso ad Internet): 71,77

Trasporti

(?)
Chilometri di strade ogni 100 Km quadrati:

 

(?)
Chilometri di rete ferroviaria ogni 100 Km quadrati:

-